la ruota gira per tutti …Una cosa è certa …. che prima o poi la ruota gira per tutti …
Si riferisce ai comportamenti che l’individuo, cavaliere, tecnico nella FISE capita anche in altre associazione Sportive a chi pratica lo sport, tutti fanno gli elogi agli sportivi sia che arrivano primi, partecipanti, ultimi ed eliminati nelle gare di endurance, ma dietro a questo alla guida di tutti gli sport ci sono delle controversie, delle diatribe. L’endurance = uguale resistenza, una volta era duro detto fondo equestre ora non più ora è solo calma piatta ippodromi e percorsi pianeggianti, ma io voglio esprimere un parere dei diverbi che ci sono dietro le quinte da quando pratico questo sport come: giudice, delegato tecnico, organizzatore di gare e di percorsi endurance cioè pioniere dell’endurance e molto altro.

Proveniente dalla Fitrecc Ante poi nel 1999 come giudice endurance nazionale entrai alla FISE e grazie al servizio a cavallo prestato nel Corpo Forestale dello Stato presi passione alla disciplina endurance, come miei colleghi che hanno partecipato a gare endurance da: Scalacci Massimo, Loenardelli Fabrizio Fanetti Marcello, Pierozzi Giorgio con risultati notevoli da campionati regionali, nazionali e internazionali.

La ruota girava bene fino all’anno 2004 quando un grande leader di cavalli venne a mancare, il Dr.Marco Roghi veterinario, nel mondo del endurance e dei cavalli fu una grande perdita, quell’anno nessuno sapeva come andare avanti, nessuno sapeva come gestire l’Endurance noi ci trovammo allo sbando tutti si preoccupavano, ci fu un incontro dalla FISE Toscana e fui chiamato assieme ad altri tecnici, mi fu chiesto tutte informazioni su richiesta dall’ allora Presidente Paul Gross scomparso da diversi anni, sapevano a quel periodo che ero il tuttofare delle gare di endurance, dei percorsi, delle classifiche e conoscevo i centri Ippici, detti i consigli più possibili , ci furono alti e bassi fino al 2013 poi l endurance ha ripreso il prestigio , gestito da persone competenti e qualcuno forse capace, non faccio nomi.

Nel 2014 fondai, come altri percorsi in toscana, assieme ad i miei amici, la gara endurance nel territorio del Brunello (precorso tecnico )fu un gran successo credo sia stata la più bella gara della mia carriera nel endurance, ho continuato fino al 2019 a fare il giudice e delegato tecnico con alti e bassi, la ruota gira bene non spesso, ma per me va bene cosi, con la mia passione di fotografo e del mio sito pubblico commenti, foto e quando posso mi reco nelle luoghi dove si corre poi per problemi familiari ho diminuito e per questo tramite amici e social network continuo a fare girare la ruota.
Detto questo ho saputo ottobre 2019, prima della coppa delle regioni ottobre 2019 è stata modificata la commissione endurance Toscana è stato dato ad altre persone incarichi è palese che la manovra è stata fatta con dei sotterfugi( “per sentito dire   credo ci sia un po’ di verità”), qualcuno si è dimesso e qualcuno è stato scavalcato questo cosa mi ha dato sempre fastidio, ribadisco che in qualsiasi sport accade questo a mio parere non è corretto non è giusto comportarsi così.Secondo voi quando si dice che la ruota gira per tutti è la verità? insomma c’è una giustizia oppure a chi ci fa del male potrà andare sempre tutto bene senza mai capire chi ha sbagliato? spero che qualcuno subisca tutto quello che qualcuno ha fatto a me e agli altri e spero che ci sia una equità e che chi semina vento la raccoglie questa tempesta… per quanto insensato, sarebbe una consolazione… (in data 4 gennaio 2020 è stata confermata la commissione e aggiunto qualche elemento).
È chiaro che nella nuova commissione endurance Toscana qualcuno ha acquisito esperienza dal sottoscritto ( non ho fatto tutto io ma), anche altri tecnici, nessuno nasce imparato ad organizzare gare e percorsi endurance, hanno trovato percorsi confermati e ripetibili , per questo vorrei ringraziare chi ha collaborato con me dal 1999 ad oggi anche se con qualcuno mi sono confrontato e ho avute controversie ma, sempre al fin di bene, un pensiero va all’ amico scomparso nel 2004 Marco Roghi; ringrazio: Bellaccini Leonardo, Falloni Anna, Badiani Moreno, Bencini Massimo, Falaschi Stefano,Gagliano Filippo, Del Buffa Gianfranco,Dotti Marco, Giorgio Presenti, Nassini Gianfranco, Maurizio Grazzini, Katia Carnevale, Cappetti Marco, Gelli Graziella, Elena Manfridi, Mori Danilo, Pratelli Gianni, Tarducci Alberto, Trucchi Roberto,Vaccarecci Antonio, Generali Alessandro e molti altri, abbiamo fatto grande l’ endurance e spianato la strada ai nuovi Dirigenti.

Leggendo i calendari endurance 2020 in toscana sono cambiate delle località, solo 3 location confermate Chianciano, Montalcino e Grosseto, si sono aggiunte altre come Arezzo e Migliarino e due tappe fuori regione in Umbria e Lazio, inserite nel campionato interregionale Lazio, Toscana e Umbria, e altre novità delle tappe del campionato Toscano Pony, la mitica location di Follonica gara endurance quest’anno ancora non è stata inserita nel calendario, forse è successo davvero qualcosa.
Auguro buona Fortuna alla nuova Commissione Endurance Fise Toscana ribadendo che:
La ruota gira per Tutti .. è questione di tempo!!
Vincenzo Bechini

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.